achille castiglioni, a curious bio…

(Stefano Mirti, first published for “La memoria degli oggetti” exhibition, Achille Castiglioni office / museum, Milano, 2005)

———-

1918. il 16 febbraio 1918 la Lituania ottiene l’indipendenza e Achille Castiglioni nasce a Milano (nessun legame tra le due, ma la coincidenza sembra curiosa). A Vienna regnano gli Asburgo (ancora per poco), mentre in Russia c’e’ gia’ stata la Rivoluzione d’Ottobre. Lenin, Trotsky e Bucharin sono al lavoro, gli Hohenzollern contano i giorni.

Il papa’ Giannino e’ scultore e insegna all’Accademia di Brera. Come dira’ successivamente l’Achille: ‘Io e i miei fratelli abbiamo respirato sin da piccoli l’odore del gesso e della plastilina’. Per intendersi, le mani della statua di San Francesco in piazza Sant’Angelo sono quello del giovane Achille.

1931. Milano raggiunge un milione di abitanti (un quarto entro le Mura Spagnole, il resto oltre le mura).

1938. I fratelli maggiori, Livio (1911-1979) e Pier Giacomo (1913-1968), aprono lo studio di corso di Porta Nuova con Luigi Caccia Dominioni. Achille inizia a collaborare con loro mentre e’ ancora studente. Il 19 di giugno, di fronte a 60.000 spettatori allo Stade Olympique de Colombes l’Italia batte l’Ungheria 4 a 2 e diventa campione del mondo di calcio per la seconda volta. L’allenatore e’ Vittorio Pozzo e gli undici eroi sono: Olivieri, Foni, Rava, Serantoni, Andreolo, Locatelli, Biavati, Meazza, Piola, Ferrari, Colaussi. Un milione e’ il numero degli abbonati alla radio (un apparecchio ogni cinquanta abitanti). 23.945 sono i posti di ascolto pubblico posizionati nelle scuole dello Stivale.

Due anni prima la Fiat ha fatto uscire la Fiat 500 (subito soprannominata: Topolino). Dante Giacosa e’ il progettista, il costo e’ di 8.900 lire pari a dieci mensilita’ dello stipendio di un bancario.
38.000 sono le automobili immatricolate in quell’anno.

1939. In Italia circolano 290.000 automobili (molto poche, pero’ ancora, un salto rispetto alle 222.000 del 1936). E’ l’anno in cui i fratelli Castiglioni progettano la radio Phonola: la prima radio italiana in plastica (per l’esattezza, in bakelite). Vincera’ la Medaglia d’Oro alla Triennale del 1940.

1940. Achille continua gli esperimenti sul prodotto industriale assieme ai fratelli. Nel contempo Mussolini conta: ‘otto milioni di baionette’ e si appresta a dichiarare guerra agli Stati Uniti d’America. Sono oramai quattro anni che la Fiat ha in produzione la ‘Topolino’, la Piaggio produce aerei per la Regia Aeronautica. L’ERR (Ente Radio Rurale) diffonde la propaganda fascista in un paese ancora contadino. Nel 1939 la Radiomarelli presenta il più piccolo ricevitore di produzione italiana: il Balilla. Solo 2 chili di peso, economico e funzionale si conquista un vasto mercato come ricevitore domestico.

1942. Gli abbonati alla radio raggiungono quota un milione e ottocentomila. Quelli al telefono sono invece 346.733 (che si ridurranno a 269.772 nel 1945). Il nostro Achille continua a studiare.

1944. Laurea in Architettura. Altri designer italiani che hanno conseguito la laurea in architettura: Luigi Caccia Dominioni, Ettore Sottsass, Marco Zanuso, Franco Albini, Ignazio Gardella, Roberto Menghi. Il design industriale non si impara a scuola (non esistendo ancora).
Nel frattempo l’Italia e’ spezzata in due. A sud sono gia’ sbarcati gli Anglo-americani, mentre il nord e’ occupato dai tedeschi. Le grandi citta’ del nord (Torino, Milano, Genova) subiscono pesanti bombardamenti. Il paese e’ in ginocchio.

1945. La guerra e’ finita. In Italia inizia la ricostruzione. Mentre l’Europa esce piegata dal secondo conflitto, gli Stati Uniti sembrano in tutto e per tutto un altro mondo: l’Oceano Atlantico non e’ mai stato cosi’ largo. Per intendersi, e’ l’anno in cui gli Eames disegnano la ‘LCW’ (Lounge Chair Wood).
Esiste dichiarazione scritta (datata 1/1/1945) di quell’anno, in cui i due fratelli Achille e Pier Giacomo stabiliscono la collaborazione professionale.
In quest’anno si contano 1.25 abbonamenti al telefono ogni 100 abitanti (che impiegheranno dieci anni a diventare 3.71). Per ora solo il 47% dei comuni e’ coperto da servizio telefonico. La tariffa telefonica a fisso viene sostituita dai contatori.

1946. I fratelli Castiglioni riprendono gli esperimenti sul prodotto industriale. Inizia una pluriennale attivita’ di ricerca sulle forme, le tecniche e i materiali nuovi tendente alla realizzazione di un processo di progettazione integrale.
L’anno precedente era uscito il primo modello di Vespa, disegnata da Corradino d’Ascanio. Per la Lambretta si dovra’ aspettare sino all’anno successivo (1947). Il progettista in questo caso e’ Cesare Pallavicino. Gli eroi nazionali sono Coppi e Bartali; nel calcio, il grande Torino vince tutto quello che si puo’ vincere.
Numero di italiani che votarono per la Repubblica: 12717.923. Per la Monarchia: 10.719.284. Umberto II lascia Ciampino il 13 giugno. Automobili prodotte in quell’anno: 10.984 (l’anno dopo saranno 25.375, arrivando a 44.425 nel 1948).

1947. Achille Castiglioni partecipa alla Triennale di Milano. Da questa edizione sara’ presente a tutte le Triennali, in particolare come membro del comitato ordinatore e allestitore. Numerose le opere esposte, piu’ volte premiate. Dall’altra parte dell’oceano, gli Eames iniziano a costruire la loro casa a Pacific Palisades.

1948. 14 Luglio. Attentato a Togliatti. La rivoluzione viene evitata grazie alla vittoria di tappa di Gino Bartali al Tour de France. Alla fine dell’anno circolano in Italia 218.539 automobili. Inizia la produzione in serie della sedia ‘Barcelona’ di Mies van der Rohe (prodotta in serie limitata per il padiglione tedesco a Barcellona nel 1929).

1949. In Italia e’ l’anno della fine del tesseramento post-bellico di pane e pasta.

1950. Continua l’attivita’ di sperimentazione e ricerca dei fratelli Castiglioni. Iniziano a realizzare allestimenti per esposizioni (Triennale di Milano, Montecatini, Agip, Rai). Achille inizia la sua attivita’ critica collaborando con la rivista “Stile e Industria”. Gli italiani continuano a impazzire per il ciclismo. L’anno precedente e’ quello del famoso duello tra Coppi e Bartali al Giro d’Italia. Buzzati segue il tutto come inviato del Corriere (e il resto e’ storia). Per la inaugurazione della Scala ricostruita, Arturo Toscanini rientrato dall’America dirige il Falstaff trasmesso dalla radio. L’indice della produzione torna ai livelli del 1938. Il periodo della cosiddetta ‘ricostruzione’ e’ terminato.

1951. Il censimento conta 47,5 milioni di italiani. Di cui il 12.9% analfabeti. In termii di occupazione abbiamo il 42.2% di lavoratori nell’agricoltura, il 32.1% nell’industria, il 25.7% nel terziario. Il servizio telefonico nazionale e’ in vigorosa ripresa. A fine anno sono in funzione 1.382.438 apparecchi principali e derivati (di cui il 92% e’ in automatico). Per l’anno successivo (1952) tutti i comuni italiani saranno collegati alla rete telefonica nazionale. L’inchiesta sulla miseria ci fa sapere che in quell’anno il 5,8% delle famiglie del Nord sono povere. Al sud siamo al 50.2%. E’ anche l’anno del ‘Miei cari amici vicini e lontani…’ di Nunzio Filogamo: inizia il Festival di Sanremo. I Castiglioni lavorano senza tregua. E’ l’anno del ‘Tubino’.

1952. Livio Castiglioni lascia i fratelli per dedicarsi al design di apparecchi audio e per l’illuminazione. Pier Giacomo e Achille continuano assieme l’attivita’ professionale. In assenza di televisione (almeno in Italia), ci si avvia ad avere una copertura nazionale con tre canali radio (1951). Nasce Radiosera. Dopo Garibaldi (e prima di Mike Bongiorno) la radio e’ una delle componenti principali della reale definizione di un Italia unita dal Brennero a Pantelleria.

1953. A Milano, inaugura il Palazzo della Permanente (con annessa torre). Il progetto e’ di Achille e di Pier Giacomo Castiglioni in collaborazione con l’ingegner Fratino. In quell’anno, il tasso di crescita dell’Italia e’ al 7.5%.

1955. La Fiat lancia la ‘Seicento’ e mette in pensione la ‘Topolino’ (in totale, dal 1936 al 1955 verranno prodotte piu’ di 500.000 esemplari di quel modello. L’Italia si motorizza a quattro ruote: questo e’ anche l’anno in cui inizia il piano decennale di costruziona autostradali. L’anno precedente sono iniziate le prime trasmissioni televisive della RAI. Questo e’ l’anno di ‘Lascia o Raddoppia’. A Milano si contano 31,4 apparecchi telefonici ogni 100 abitanti (terza citta’ in Europa). Nel contempo i Castiglioni disegnano il ‘Luminator’. Achille vince il suo primo Compasso d’Oro. Ne vincera’ altri otto.

1956. Achille e’ tra i soci fondatori dell’ADI (Associazione del Design Industriale).

1957. E’ l’anno della Medaglia d’oro all’XI Triennale (e’ la prima, altre arriveranno nelle successive edizioni). E’ anche l’anno della celeberrima mostra a Villa Olmo. Per questa mostra vengono prototipati il ‘Mezzadro’ e il ‘Sella’. Per ora non sono ancora in produzione industriale, ma dopo questo allestimento il design italiano non sara’ piu’ lo stesso.

1960. Il governo Tambroni trascina l’Italia in una stagione di scontri e duri conflitti. E’ pero’ anche l’anno in cui ci sono le Olimpiadi a Roma. In termini di biografia di Castiglioni, e’ l’anno in cui esce la poltrona ‘Sanluca’ per Gavina.

1961. E’ l’anno della Birreria Splugen Brau a Milano (nonche’ della prima giunta di centro-sinistra del capoluogo lombardo). Progetto dell’arredo di interni, degli spillatori nonche’ di tutti gli arredi fissi e mobili. Vassoi, bicchieri, apribottiglie. Gli impianti tecnici vengono lasciati in vista trasformando completamente lo spazio. Piano, Rogers e il Beauburg sono di la’ da venire…
E’ anche l’anno in cui l’Italia entra a fare parte del gruppo dei gli otto paesi piu’ industrializzati del mondo. Tra il 1950 e il 1963 il reddito pro-capite degli italiani raddoppia. Numero di italiani: poco piu’ di 50 milioni. Nelle cui case iniziano a comparire televisori, frigoriferi, lavatrici in grande quantita’.

1962. I gioielli castiglioneschi si moltiplicano. Entra in produzione per Flos la lampada ‘Arco’. Per la Kraft viene disegnato il ‘cucchiaio piatto per maionese’. L’Italia e’ in pieno boom. L’anno precedente hanno iniziato le trasmissioni del Secondo Canale televisivo della Rai (nonche’ di ‘Campanile Sera’).
In Italia ci sono 8.5 apparecchi telefonici ogni 100 abitanti. Al pari della televisione e degli elettrodomestici, il telefono sta entrando nella vita degli italiani.
Gli appassionati di design sanno anche che quello e’ l’anno in cui entra in produzione la lampada ‘Tojo’.

1963. Il MoMA di New York acquista due opere dei Castiglioni: si tratta delle lampade in cocoon ‘Taraxacum’ e ‘Viscontea’. (al 2005 si registrano quattordici lavori nelle varie collezioni). Altre opere di Achille sono presenti al Victoria & Albert Museum di Londra, Vitra Design Museum di Weil am Rhein, e innumerevoli altri musei.

1965. A Londra i Rolling Stones fanno uscire ‘(I can’t get no) Satisfaction’. A Milano l’Achille presenta il ‘RR 126’ per Brionvega. Due capolavori. Umberto Eco ci spiega perche’ non esiste distinzione tra ‘bassa’ e ‘alta’ cultura.

1966. Con tre anni di anticipo su Armstrong e Aldrin i Castiglioni fanno uscire la sedia: ‘Allunaggio’. Per capirsi e’ lo stesso anno di ‘Revolver’ dei Beatles. Il mondo sta trasformandosi in maniera vertiginosa. Il contributo italiano (in termini di disegno industriale) non teme rivali.

1968. Muore Pier Giacomo Castiglioni. L’Europa sembra prossima alla rivoluzione studentesca e operaia. La rivoluzione in termini di ‘ambiente domestico’ viene supportata con l’interrutttore ‘VLM’ (uno degli ultimi progetti in cui collaborano Achille e Pier Giacomo). Con ‘Chiamate Roma 3131’ nasce il primo programma radiofonico nel quale i radioascoltatori possono chiamare la trasmissione in diretta. Gli italiani sono adesso 53 milioni.

1969. Achille inizia la carriera accademica conseguendo la libera docenza. Anche se solo di un anno, per lui, niente sessantotto. Fino al 1977 insegnera la cosiddetta: “Progettazione artistica per l’industria” presso il Politecnico di Torino (stessa facolta’ dove insegna Carlo Mollino, un altro dei grandi maestri del design italiano). Successivamente sara’ professore di “Architettura degli interni”.

1970. Grande fumatore da sempre, regala ai suoi compagni di vizio il celebre posacenere ‘Spirale’. E’ l’anno in cui I Beatles si sciolgono e l’Italia perde 4 a 1 la finale della Coppa Rimet (contro il Brasile di Garrincha e Pele’). Ci si consola con la lampada ‘Parentesi’. In Italia continua la lunga stagione di conflitto sociale. In televisione inizia il ‘Rischiatutto’.

1972. In Italia, iniziano le trasmissioni sperimentali della televisione a colori, due anni dopo il 59.2% degli italiani vota per il divorzio.

1976. Vengono installate le prime cabine telefoniche pubbliche a scheda. Bisognera’ aspettare ancora quattro anni per poter usare i telefoni pubblici utilizzando anche le monete (prima di allora si potevano usare solo i gettoni).

1978. Gli italiani sono ora 56 miloni.

1980. Iniziano gli anni ’80. I pareri sono discordi (non sulle produzioni di Castiglioni, quanto piuttosto sulle mutazioni sociali, economiche, comportamentali avvenute nel nostro paese). Da Milano parte la traiettoria di Bettino Craxi. A Torino c’e’ la marcia dei 40.000. Le relazioni tra industria, sindacato e lavoratori non saranno piu’ le stesse. I designer della Fiat stanno lavorando su quella che sara’ la Uno (che uscira’ nel 1983). Per ora, in Italia ci si sposta pero’ in 127.
Venendo a Castiglioni, il decennio inizia con la cessione dell’archivio dello studio tenuto con il fratello Pier Giacomo al Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma.

1981. Achille Castiglioni inizia a insegnare al Politecnico di Milano. La sua cattedra e’ quella di: “Arredamento degli interni per l´indirizzo di disegno industriale e arredamento”. Insegnera’ fino al 1993.

1984. Non si verifica alcuna profezia orwelliana (almeno in apparenza). Si inaugura presso il Museum für Angewandte Kunst di Vienna la grande mostra personale itinerante su/di Achille Castiglioni. Tappe successive la Hochschule für Bildende Kunste di Berlino, Triennale di Milano, Kunstgewerbe Museum di Zurigo, Gemeentemuseum de L’Aia, il Centre Georges Pompidou (Beaubourg) di Parigi e altre innumerevoli tappe (troppe per essere menzionate tutte).

1985. In Italia abbiamo 30.4 abbonati al telefono ogni 100 abitanti. La stragrande maggioranza delle famiglie italiane ha finalmente il telefono in casa.

1987. Laurea Honoris Causa dal Royal College of Art di Londra. Achille Castiglioni continua a lavorare per le piu’ importanti aziende italiane. Come per i quarant’anni precedenti (e per il decennio successivo) si possono citare nomi di prestigio quali: Alessi, Brionvega, B&B Italia, Bonacina, Danese, Driade, Flos, Cassina, Ideal Standard, Lancia Auto, Marcatre’, Moroso, Olivelli, Omsa, Phonola, Poggi, Phoebus Alter, San Giorgio, Knoll International, Kartell, Zanotta (l’elenco esteso e’ molto piu’ lungo).

1989. L’ADI (un po’ stufa di questo Castiglioni che fa sempre man bassa di ogni tipo di premi), gli conferisce un ultimo Compasso d’Oro, alla carriera. Da qui in poi, largo ai giovani.

1990. Vengono introdotti in Italia i primi telefoni cellulari.

1995. Castiglioni vince il premio: ‘Primavera del Design’ del Museo Santa Monica di Barcellona. In occasione del premio si organizza una mostra che da Barcellona diventa itinerante.

1996. Tim lancia la prima carta telefonica prepagata e ricaricabile per la rete GSM. E’ anche l’anno in cui si possono iniziare a inviare i primi SMS da telefonino a telefonino. Sara’ una rivoluzione epocale, ma all’inizio non se ne accorge nessuno.

1997. La mostra di Barcellona parte per il suo giro del mondo. Le tappe piu’ importanti sono quella al Vitra Design Museum di Weil am Rhein,il MoMA di New York, Tokyo, e innumerevoli altre.

2000. Alla fine dell’anno TIN.IT supera i due milioni di abbonati.

2001. Anche il Politecnico di Milano (dopo innumerevoli altre istituzioni accademiche di tutto il mondo) gli conferisce una laurea honoris causa. Ovviamente si tratta di una laurea in Disegno Industriale.

2002. Muore a Milano, il 2 dicembre.

Image on top: Achille and Pier Giacomo Castiglioni, Mezzadro stool, 1957 (in production since 1971, Zanotta).


Advertisements

Comments are closed.

%d bloggers like this: